New York in un bicchiere

La più giovane sommelier di New York sta educando una nuova generazione di appassionati di vino

Victoria James

Insegnante e scrittrice nel settore del vino, nonché sommelier presso Piora

A soli 21 anni, Victoria James ha conquistato il titolo di più giovane sommelier di New York. Dopo aver studiato per diventare sommelier, aver vinto due concorsi di degustazione e aver viaggiato in Cile e nel sud della Francia, James è giunta al Piora, un ristorante stellato Michelin nel West Village, rinomato per la cucina italo-asiatica dello chef esecutivo Chris Cipollone.

In qualità di direttrice sommelier presso Piora, James si destreggia nel tempo che le rimane lavorando al suo prossimo libro Drink Pink: A Celebration of Rosé, partecipando a degustazioni con produttori di vino internazionali, pianificando viaggi di ricerca in nuove regioni vinicole e condividendo la sua esperienza con i commensali al ristorante. Nel corso di una giornata, ha probabilmente assaggiato più di 100 vini diversi.

Victoria James detiene ancora il titolo di più giovane sommelier di New York.

Suggerimenti locali

Gustate un assaggio di New York con la sommelier, Victoria James

Sebbene James sia già riuscita a esplorare tutte le più importanti regioni vinicole del mondo, continua alla scoperta di nuovi paesi ogni mese. A seconda del giorno, potreste incontrarla mentre partecipa a degustazioni di nuovi vini nei Finger Lakes di New York o viaggia in regioni vinicole, quali Portogallo, Spagna, Francia, Svizzera, Italia, Ungheria o Marocco. Ad ogni modo, New York ha molto da offrire ai palati più sofisticati. Qui, condividiamo la guida di Victoria James su New York in un bicchiere.

Un palato sopraffino

Allargate la vostra conoscenza enologica

Corkbuzz (13 E. 13th St.; 646 873 6071), nei pressi di Union Square, è un ottimo posto per mangiare, bere e affinare le proprie conoscenze enologiche, ed è uno degli unici locali in cui gli ospiti possono davvero vivere un'esperienza di degustazione formativa in città. Troverete appassionati di vino, produttori di vino, sommelier e chef nella sala da pranzo leggermente illuminata, protesi a gustare le costolette succose dello chef Hayan Yi, o seduti ai lunghi tavoli comuni alla scoperta della lista di vini in continua evoluzione di Corkbuzz durante una delle sessioni di degustazione. Se siete intenzionati ad acquistare una bottiglia o due da portare via Convivi Wine And Spirits (196 Ave. A; 917 383 2111) potrebbe avere ciò che state cercando. In questa nuova enoteca nell'East Village, i collezionisti e gli estimatori del buon vino godranno dinanzi all'ampia selezione del negozio, dalle annate introvabili alle bottiglie a meno di 30 USD.

Spuntini di quartiere

Cucina francese affidabile nel West Village

Buvette (42 Grove St.; 212 255 3590) è un piccolo caffè di quartiere, alcuni dicono non sia più grande di una cabina armadio, serve vini francesi molto amabili e piatti semplici e deliziosi dall'alba alle 02:00 del mattino. Con il suo caffè del West Village, il proprietario e chef, Jody Williams, voleva creare un luogo di ritrovo locale in cui i residenti nei paraggi potessero passare solo per un caffè, o trascorrere l'intera giornata a leggere, chiacchierare e mangiare bene.

L'intima gastrothèque di ispirazione europea è piena di accessori da libro di fiabe, come schiaccianoci d'epoca, vecchi cestini da picnic e piccoli cucchiai da casa delle bambole. Assaporate qualcosa di dolce, come le crêpe alla Nutella o i soffici waffle belga ricoperti di lamponi, o altri piatti saporiti come il polpo alla griglia con patate e olive. Forse più di ogni altra cosa, troverete vini perfetti che si sposano praticamente con ogni pietanza.

Delizia degli amanti del cibo locale

Assaporate ingredienti freschi direttamente dell'orto nel cuore della città

Quando James non sta esplorando nuove destinazioni vinicole, o non si reca nella valle dell'Hudson alla ricerca di artemisia, bardana e radice di dente di leone per distillare il suo Amaro, seleziona le cassette di prodotti freschi dal Mercato ortofrutticolo di Union Square (lun., mer., ven., sab., lato nord e ovest, Union Sq.). Dal 1976, il mercato è diventato un immancabile punto di riferimento per gli amanti della vita culinaria in città e per gli chef di fama mondiale grazie alla sua generosità di prodotti freschi, carni biologiche, formaggi, pane appena sfornato, miele locale, fiori e molto altro. In alta stagione, il mercato accoglie più di 140 venditori che servono 60.000 devoti acquirenti.

Nei giorni di sole, James si allieta a raccogliere alcuni ingredienti necessari e si dirige verso l'Upper Manhattan per un piacevole picnic con gli amici a Central Park.

La cultura del cocktail

Dimenticate ciò che pensavate di sapere sui pub irlandesi

James è entrato nel mondo del vino passando prima per la cultura del cocktail, lavorando come barista all'Harry's Café and Steak sotto la supervisione del leggendario barman irlandese Sean Muldoon, che all'epoca stava preparando l'apertura del suo locale. Ridefinendo l'idea di un pub irlandese, il Dead Rabbit di Muldoon (30 Water St.; 646 422 7906) già al momento della sua inaugurazione nel 2013 è diventato istantaneamente un classico sulla scena dei cocktail di New York.

Noto per una famigerata gang americana-irlandese di New York, il locale è ospitato in un edificio in mattoni rossi senza scritte nel Financial District. Il pub al primo piano, il Taproom, serve birre artigianali e specialità di whisky irlandesi come il Teeling Single Malt. Ma il vero divertimento è al piano di sopra. Entrate nel salone, un cocktail bar in “stile speakeasy” con camerieri in camicie rosse e bretelle, famoso per i suoi deliziosi piatti irlandesi e il sofisticato menu di cocktail.

Punti di vista

Scoprite il primo parco sopraelevato negli Stati Uniti

Costruito su una sezione ferroviaria in disuso sospeso a 9 metri sopra il livello stradale, La High Line (entrate tra Gansevoort e Washington St. e W. 34th e 12th Ave.; 212 500 6035) è una passerella panoramica e un parco pubblico che regala una gradita parentesi di natura al paesaggio urbano industriale sottostante. Progettato dall'architetto del paesaggio James Corner e dal progettista di stabilimenti olandese, Piet Oudolf, l'unico parco sopraelevato della città presenta circa 2,5 chilometri di piante ornamentali, robuste piante di campo quali solidago, la pianta dei pappagalli e fiori di carota, oltre a installazioni di arte pubblica, un anfiteatro, venditori di cibo e bevande e panchine e lettini sporadici dove è possibile fare una pausa e ammirare il panorama. James consiglia di partire dall'estremità nord del parco e di recarsi al Whitney Museum Of American Art (99 Gansevoort St.; 212 570 3600) per rifocillarsi presso Untitled, il ristorante di Danny Meyer situato al piano terra, per gustare delizioso cibo e scegliere il vino perfetto da abbinare dalla lista.

close
Dove vuoi andare?

Selezionare la data di arrivo

Selezionare la data di check-out

Cerca
  • Camera:

Chiudi