Signore e signori in rosso

I membri del team che si occupa delle relazioni con gli ospiti si possono riconoscere all'Hotel Adlon Kempinski di Berlino per la loro divisa colore rosso acceso
Nessuna richiesta è troppo piccola o troppo grande 

Fate il vostro ingresso in questa grand dame che si affaccia sulla famosa Porta di Brandeburgo, a Berlino, e sarete immediatamente accolti da una Signora in rosso.  Il programma di accoglienza degli ospiti, che si applica a tutte le proprietà Kempinski nel mondo, è iniziato proprio qui all'Hotel Adlon Kempinski nel 2009. L'hotel, realizzato originariamente da Lorenz Adlon nel 1907 come il più lussuoso di Berlino, ha ospitato tutti, da membri di famiglie reali a stelle del cinema come Greta Garbo, ma non è necessario essere una celebrità per godere di un trattamento da VIP. Vi basta semplicemente cercare una delle Signore in rosso.

Il responsabile delle relazioni con gli ospiti dell'hotel, Giovanni Maldonado, spiega che per le Signore (e i signori) in rosso nessuna richiesta è troppo grande o troppo piccola. Lui e il suo team hanno visto e fatto di tutto, dall'organizzare proposte di matrimonio a consegnare le chiavi di casa a un ospite che era tornato a casa e aveva scoperto solo allora di averle lasciate all'Adlon. “Abbiamo trovato un tassista che ha portato le chiavi di casa nella città a due ore da qui e le ha consegnate all'ospite che aspettava nel caffè vicino alla sua abitazione” spiega Giovanni. “Diciamo sempre che non ci sono limiti a quello che puoi fare per i tuoi ospiti”.

Non appena si entra nella hall, si viene accolti da un membro del team responsabile della relazione con gli ospiti.
Giovanni e le Signore in rosso hanno organizzato un servizio fotografico per far sorridere una bambina che ha perso il suo orsacchiotto Adlon.
Giovanni Maldonado, responsabile delle relazioni con gli ospiti e le Signore in rosso davanti alla Porta di Brandeburgo.
Diciamo sempre che non ci sono limiti a quello che puoi fare per i tuoi ospiti.
Superare le aspettative

Quando una bambina perse il suo orsacchiotto Adlon ricevuto in hotel, Giovanni gliene spedì uno nuovo. E quando perse anche quello, lui e i suoi colleghi organizzarono un servizio fotografico con immagini dell'orso che effettuava il check-in in hotel, guardava la Porta di Brandeburgo, e si godeva un tè con gli altri giocattoli Adlon e le ha poi inviate alla bambina insieme a un nuovo orsetto e a una lettera, spiegandole che il suo adorato orso era in visita ad alcuni amici a Berlino. La madre della bambina rispedì loro le foto della piccola che abbracciava l'orso. “La parte più gratificante di questo lavoro è vedere la felicità e la gioia negli occhi di una persona grazie a qualcosa che hai fatto per lei” dice Giovanni. “Vivi giornate stressanti in questo lavoro, ma il riscontro diretto di un ospite contento ti fa sciogliere il cuore, soprattutto se si tratta di un bambino”.

Non è facile avere sotto controllo tutto quello che accade in un hotel con 385 camere nel cuore di una capitale come Berlino, ma le esperte Signore in rosso fanno il possibile per conoscere tutti i segreti, non solo dell'hotel, ma di tutta la città. A volte gestiscono anche delle richieste da concierge, quando per esempio consigliano gli ospiti su come spostarsi e sfruttare al meglio il tempo che hanno a disposizione.

Quindi, se avete bisogno anche solo di trovare uno dei ristoranti dell'hotel, come lo stellato Lorenz Adlon Esszimmer, o se volete sorprendere qualcuno di speciale con fiori e champagne, cercate una delle gentili responsabili delle relazioni con i clienti vestite di rosso.

Per saperne di più sull'Hotel Adlon Kempinski contattate il concierge al momento della prenotazione.

close
Dove vuoi andare?

Selezionare la data di arrivo

Selezionare la data di check-out

Cerca
  • Camera:

Chiudi