La storia si ripete

Il Widder Hotel invita gli ospiti a viaggiare nel tempo ma con le comodità moderne
Conservazione dei monumenti storici

Nove case medievali sono abilmente collegate per creare un’esperienza unica a Zurigo. Il Widder Hotel ospita 700 anni di storia in ognuna delle sue residenze meticolosamente restaurate e, anche se il patrimonio culturale non ha prezzo, un ricercato design moderno aggiunge un’altra dimensione al soggiorno.

La demolizione era fuori discussione all'inizio dell’ambizioso progetto di ospitare un hotel ultramoderno all'interno dei monumenti nazionali svizzeri. Risalenti all’XI-XV secolo, originariamente questi edifici erano di proprietà della Gilda dei Macellai, e qui nobili, mercanti e artigiani esercitavano i loro mestieri nel Medioevo. Ci vollero un decennio e quasi 1.000 professionisti, dagli archeologi agli architetti, per dare vita al Widder Hotel nel 1995.

Travi in ​​legno, pavimenti in cotto e affreschi originali sono elementi distintivi della struttura originale, mentre gli arredi moderni aggiungono fascino contemporaneo.
Il tetto della suite Penthouse offre ampie vedute sulla città.
Nove case medievali sono abilmente collegate per creare un’esperienza unica a Zurigo.
Ci sono voluti un decennio e quasi 1.000 professionisti, dagli archeologi agli architetti, per dare vita al Widder Hotel.
Risorse eccezionali

Considerata la loro importanza storica, l’architetta svizzera Tilla Theus ha preso le misure necessarie per preservare l’individualità delle case, creando passaggi che collegano un edificio all’altro. È un modo intelligente per mantenere l’integrità di ogni struttura, ma contemporaneamente consentire continuità. Non si può negare l’eredità culturale di ogni singola camera. Pareti in pietra e travi in ​​legno a vista richiamano il passato, mentre l’acciaio cromato e le strutture in vetro riportano gli ospiti al presente.

L’interior design delle camere è caratterizzato da uno stile vintage moderno, con chaise longue ideate da Charles e Ray Eames negli anni ‘50 e divani di Le Corbusier, risalenti approssimativamente al 1928. Alcuni dei dettagli essenziali che caratterizzano e completano il profilo del Widder Hotel includono dipinti originali a grisaglia sulle pareti della prima casa della gilda che sono stati salvati e che possono essere ammirati nella camera 308, mentre l’inconfondibile arte contemporanea è appesa nella casa Tatzfuss: il Flamingo Gander è un trittico di Robert Rauschenberg nella suite Penthouse.

La bellezza si estende anche al di fuori della suite, dove la terrazza sul tetto offre una splendida vista sul centro storico, sul Lago di Zurigo e sulle montagne.

Per saperne di più sul Widder Hotel, o sulle sue origini storiche, contattate il concierge al momento della prenotazione.

close
Dove vuoi andare?

Selezionare la data di arrivo

Selezionare la data di check-out

Cerca
  • Camera:

Chiudi